Assistere nella cronicità e nella fragilità La sedazione palliativa per il controllo del sintomo refrattario – 24/10/19

Gli interventi terapeutici farmacologici in grado di modificare la coscienza della persona malata sino al raggiungimento di un piano sedativo sono tra i più complessi e delicati, in generale in tutta la medicina ma in particolare nelle cure palliative e nelle fasi finali della vita. Si tratta di un’area nella quale alla competenza e all’esperienza tecnica si devono sempre associare una perfetta conoscenza del setting nel quale ci si trova a operare e una profonda attenzione agli aspetti relazionali con il malato, la famiglia e all’interno dell’equipe. Il ricorso alla sedazione palliativa per il controllo del sintomo refrattario nelle fasi terminali della malattia a evoluzione inarrestabile si è diffuso non solo negli hospice, ma anche nei reparti ospedalieri oltre che nelle strutture socio-sanitarie. Risulta quindi di fondamentale importanza omogeneizzarne la pratica applicativa, in modo da aumentarne la correttezza clinico-farmacologica e la consapevolezza etica, valorizzandone le implicazioni sul piano gestionale, relazionale e spirituale.
L’obiettivo di questo corso è quindi fornire agli infermieri le competenze basate su prove di efficacia, relative alla gestione del sintomo refrattario e della sedazione palliativa.

Locandina corso cure palliative 24.10 2019
Scheda di iscrizione corso NDL_La sedazione palliativa per il controllo del sintomo refrattario

Disponibile il nuovo numero di
luglio – settembre 2019

Consulta i corsi.

Formazione a distanza con crediti ECM.