Preventivo 2010

Cari colleghi
Nel porgere il benvenuto a tutti gli intervenuti e nell’estenderlo a tutti coloro che per ragioni di lavoro o di famiglia non possono essere con noi ma partecipano ai lavori attraverso la delega, mi preme puntualizzare, per chiarezza, alcuni aspetti emersi nell’assemblea del 16 u.s.
Questo CD ha scelto di instaurare un rapporto con gli iscritti basato sulla trasparenza e sulla partecipazione attiva, per questa ragione non si è avvalso della facoltà espressa dalla normativa di riferimento, legge 221 del 50, riprendendo il dgls 233 1946 che all’articolo 4 recita:
Il Consiglio provvede all’amministrazione dei beni spettanti all’Ordine o Collegio e propone all’approvazione dell’assemblea il bilancio preventivo ed il conto consuntivo.
Il Consiglio, entro i limiti strettamente necessari a coprire le spese dell’Ordine o Collegio, stabilisce una tassa annuale, una tassa per l’iscrizione nell’albo, nonché una tassa per il rilascio dei certificati e dei pareri per la liquidazione degli onorari.
Tenuto conto che il Regolamento interno della federazione art.62 a cui si sono ispirati i regolamenti interno dei collegi provinciali l’art. 4 al punto C attribuisce all’assemblea la fissazione del contributo annuo che ciascun iscritto deve versare per il mantenimento della propria iscrizione.
Questo è il nostro intento.
Infatti abbiamo portato a conoscenza dell’assemblea non solo le prospettive di adeguamento ma anche le motivazioni che ci hanno spinto a ritenerlo proponibile.
Alla luce di quanto espresso da alcuni colleghi durante la precedente assemblea, che hanno sottolineato la necessità di portare a conoscenza della totalità degli iscritti la proposta dell’aumento quota, e delle normativa citate, questo CD nel rispetto della politica che lo muove, ha considerare tale richiesta come elemento di ulteriore trasparenza e collaborazione che ci ha indotti a proporre all’assemblea una riconvocazione esplicitando nell’ordine del giorno la necessità dell’adeguamento della quota annua.
A questo punto a favore di tutti gli intervenuti il tesoriere, Alessandro Navanteri, illustrerà quanto è emerso dallo studio condotto che evidenzia la necessità di un adeguamento economico finalizzato al perseguimento degli obiettivi che consentano quella crescita che gli infermieri della provincia di Varese meritano e che ci hanno affidato con il sostegno elettorale nel novembre del 2008.
Relazione tesoriere.
A tutte le iniziative proposte ne 2009 ed a quelle già svolte nel 2010 avete partecipato con un entusiasmo contagioso, fornendo critiche costruttive, suggerimenti e apprezzamenti, di tutto ciò vi ringraziamo!
Questo ci spinge a moltiplicare gli sforzi per migliorarci e per offrire sempre di più, certi della vostra partecipazione e sostegno, ideando e promuovendo progetti condivisi e suggeriti, a favore della professione, dei professionisti e di conseguenza delle persone assistite.
I colleghi ora illustreranno le proposte per l’anno corrente (motivazioni e progetti)
Commissione rapporti con gli iscritti. Maria Grazia Colombo
Nei prossimi due anni, la commissione si impegnerà, oltre che per il notiziario, a sviluppare e raggiungere gli altri due obbiettivi :
Stipulare convenzioni e agevolazioni a favore degli iscritti
Stimolare gli iscritti a fornite i loro lavori da pubblicare, la provincia è ricca di professionisti preparati che producono lavori di qualità e di grande interesse professionale, a questi vorremmo dare spazio per rendere visibile ed utilizzabile il lavoro svolto.
Proporre momenti di incontro, confronto e scambio con i colleghi, anche sui luoghi di lavoro. Questa proposta nasce dal fatto che crediamo che il confronto e lo scambio tra colleghi, sia indispensabile e utile alla crescita professionale e umana. Incontri in cui gli infermieri possano esprimere non solo i propri problemi, dubbi e perplessità ma aprirsi al confronto attraverso scambi di esperienze e, soprattutto, proporre soluzioni, nuovi modelli organizzativi, presentare progetti al fine di lavorare in modo migliore.
Commissione tutela e regolamentazione della professione per liberi professionisti e infermieri stranieri. Maria Luisa falabretti (Rosanna Pelosin)
In questo nuovo anno l’attenzione sarà concentrata sui liberi professionisti.
Organizzeremo momenti di incontro, confronto e di formazione con l’aiuto di esperti del settore ed il contributo dei colleghi stessi. Argomenti come abusivismo, qualità e tutela saranno affrontati, studiati e sviscerati.
Proseguirà l’impegno per gli infermieri stranieri, il gruppo d’esame è orami ben avviato e la metodica risponde pienamente alle direttive nazionali ed europee.
Commissione rapporto con le Istituzioni. Vice presidente Salvatore Santo
Prosegue l’impegno nei confronti delle istituzioni presenti sul territorio proponendo collaborazioni ed eventi.
È stato progettato un corso da proporre alla provincia ed ai comuni per formare i cargiver. La provincia ha accolto la richiesta di patrocinio e di finanziamento di parte del corso con grande entusiasmo ed interesse proponendo la possibilità di effettuare il corso anche all’interno di un loro progetto, diversi comuni hanno già fatto richiesta per il territorio di loro competenza. Per questa iniziativa chiederemo l’aiuto dei colleghi.
L’assessorato alle politiche sociali della Provincia ha chiesto al collegio la collaborazione per iniziative che saranno messe in essere in questo biennio, iniziative a cui parteciperemo.
È stato richiesto alle Aziende sanitarie del territorio e all’ASL la collaborazione per la diffusione degli eventi organizzati dal collegio, tramite l’utilizzo della posta elettronica interna e delle bacheche apposite.
Da quest’anno Il nostro Collegio, che da anni vede formarsi presso l’Università dell’Insubria di Varese nel il corso di laurea in Infermieristica i propri professionisti, intende promuovere, in collaborazione con l’Università e con il sostegno dell’ASVA (Associazione Scuole di Varese, tavolo orientamento), un’iniziativa di orientamento finalizzata ad informare gli studenti delle classi quinte sul piano di studi del corso di laurea e sugli sbocchi professionali ad esso collegati.

Commissione sviluppo professionale e formazione continua. Sabrina Ranzoni
Gli eventi formativi del 2010 sono progettati in base alle priorità indicate dall’evoluzione della professione infermieristica italiana e dai dati raccolti dagli iscritti in merito alle loro proposte di argomenti per eventi formativi. Il programma formativo del I semestre 2010:
IL ruolo dell’infermiere nel processo di donazione-trapianto 15 marzo 2010
Il codice deontologico dell’infermiere: la responsabilità professionale e la relazione con la persona assistita 17 marzo- 17 giugno2010, questo corso è alla sua quinta edizione e la richiesta continua ad essere molto alta, non solo dai colleghi di Varese ma anche da altri colleghi come quelli di Venezia presso i quali effettueremo il corso a novembre p.v.
Un punto sulla professione infermieristica in Italia: I cambiamenti più recenti e le prospettive future, effettuato il 16 aprile.
Nel piano formativo 2010 è stato previsto un corso di informatica di base per infermieri atto a fornire alcune conoscenze sull’utilizzo del computer e del web e motori di ricerca per favorire il recupero di informazioni e fonti di interesse professionale.
Corso di Informatica di base per infermieri. 13-14 maggio 2010
Luglio si terrà il corso dal titolo: “Scale di valutazione: l’obiettività dell’agire Esperienza CPS di Cuggiono (MI)” Questo corso sarà rivolto ad infermieri ed assistenti sanitarie.
9 novembre edizione del corso dal titolo Il codice deontologico dell’infermiere; la responsabilità professionale e la relazione con la persona assistita – sede Verbano
ottobre – novembre 2010 corso di aggiornamento rivolto a infermieri, assistenti sanitarie dal titolo: “Saper lavorare in un team e alimentare la nostra motivazione.” Il corso sarà tenuto in collaborazione con un’agenzia formativa che da tempo collabora con altri collegi Ipasvi della Lombardia che garantisce un’ottima qualità formativa.
verrà proposta una nuova edizione del corso di informatica sulla base delle richieste degli iscritti
in autunno verrà proposta una giornata di studio rivolta ai liberi professionisti
Gli argomenti dei corsi proposti per il 2010 sono progettati in base alle priorità indicate dall’evoluzione della professione infermieristica italiana e dai dati raccolti dagli iscritti in merito alle loro proposte di argomenti per eventi formativi. A tal proposito viste le richieste giunte si sta cercando di portare al Collegio il corso della CNAI: “Favorire la centralità della persona nel processo di cura: modelli ed esperienze di assistenza infermieristica” inerente le modalità organizzative orientate alla complessità assistenziale e intensità di cura, con relazioni di realtà lombarde che già lavorano in questo senso.
Diffondere le informazioni necessarie per reperire i risultati della ricerca infermieristica e saperli leggere in modo critico:
E’ stata verificata la possibilità di consultare riviste on-line tramite la biblioteca universitaria. Questa richiede un investimento di risorse che, sulla base del numero di iscritti che effettivamente usufruirebbero del sistema, risulta non sostenibile attualmente dal collegio IPASVI di Varese.La responsabile della Biblioteca riferisce infatti che tutte le aziende del territorio sono convenzionate.
Istituire una borsa di studio annuale per i neolaureati meritevoli che si iscrivono al collegio IPASVI di Varese: Questo obiettivo è stato preso in considerazione durante l’attività della commissione del 2009 ma non è stato raggiunto. E’ stato quindi ridefinito prospettando la possibilità di ridefinire un nuovo obiettivo per il 2010 istituendo un premio da assegnare a 2 progetti elaborati da iscritti al collegio IPASVI di Varese sul tema: L’assistenza infermieristica alla persona “fragile”. Il bando verrà emanato nel mese di ottobre 2010 e il premio verrà assegnato durante l’assemblea degli iscritti del 2011.
Commissione Web. Maurizio Rusca (Patrizia Riganti)
Prosegue l’impegno per mantenere aggiornato il sito con cadenze mensili e se necessario ogni 15 giorni, cambiando l’articolo di fondo, quello posizionato in homepage e aggiungendo notizie ed eventi.
La piattaforma Virtual ECM: ottimo strumento di facile utilizzo sia dal punto di vista dei gestori (Commissione Web) che degli utenti, (Colleghi), si cercherà si spingere ulteriormente l’utilizzo della stessa anche attraverso corsi di informatica di base per gli iscritti.
Dal 12.aprile 2009 al 12-aprile 2010 ci sono stati 12.935 visitatori, (valore assoluto di visitatori; di cui 7.865 visite dirette (utenti che conoscevano l’indirizzo Web); 63.042 visite di pagina (lo stesso visitatore ha visitato il sito, o la pagina del sito più volte). La home page, e la pagina formazione continua sono quelle maggiormente visionate dai visitatori, al terzo posto come numero di visite è la pagina riguardante le opportunità di lavoro.
Quest’anno il Collegio ha sentito l’esigenza di formare due gruppi di lavoro.
ufficio stampa e aiuti per Haiti. Il primo con lo scopo di:
mantenere i contatti con i mass-media del territorio, per favorire la visibilità degli Infermieri;
monitorare e divulgare gli argomenti che riguardano la professione;
fare la rassegna stampa e la recensione degli articoli del Collegio;
raccogliere gli articoli in cartaceo
Il secondo con l’obiettivo di effettuare iniziative di solidarietà a favore dei terremotati di Haiti. Sono stati progettati e svolti nelle piazze delle tre principali città della provincia, Busto, Gallarate e Varese, dei gazebo grazie ai quali gli infermieri hanno cercato di sensibilizzare l’opinione pubblica a non dimenticare i terremotati, grazie all’aiuto offerto volontariamente dai colleghi e attraverso un servizio gratuito alla cittadinanza (educazione sanitaria, rilevazione di pressione arteriosa e valori glicemici). Le persone intervenute hanno lasciato un contributo da inviare ai terremotati tramite l’associazione AVSI che da anni opera in Haiti a favore dei poveri tra i poveri.
Sempre a favore della popolazione di Haiti è stata organizzata una kermesse musicale, con la collaborazione di diverse associazioni, effettuata sabato 24 aprile presso il locale Ponderosa di Castelseprio (nel quale 16 gruppi musicali si sono alternati in una maratona di solidarietà, una sottoscrizione a premi con opere offerte da artisti Varesini, l’intervento di presentatori professionisti e le testimonianze di coloro che ad Haiti lavorano, e soprattutto il grande aiuto di colleghi e studenti, completano un programma di grande impatto sociale volto a raccogliere fondi per progetti ed iniziative in loco. L’iniziativa ha avuto un grande riscontro di pubblico e di critica sociale a favore della professione infermieristica.
Per la giornata del 12 maggio, il collegio in collaborazione con Università degli Studi dell’Insubria, l’Associazione Regionale Lombardia Infermieri Nucleo dei Laghi CELEBRA la Giornata Internazionale dell’Infermiere a 100 anni dalla morte di Florence Nightingale, prima infermiera moderna della storia occidentale. Il programma prevede:
DALLE 11 ALLE 18 – Gazebo in piazza Carducci a Varese in cui Infermieri e Studenti incontreranno la popolazione varesina per far conoscere il Corso di Laurea in Infermieristica, il ruolo dell’associazione culturale infermieristica ARLI – Nucleo dei Laghi e del Collegio IPASVI. Come tradizione verrà effettuata promozione della salute alla popolazione misurando gratuitamente pressione arteriosa e glicemia. Si raccolgono adesioni per la partecipazione.
DALLE 20.30 ALLE 23 – Serata celebrativa nella Sala della Provincia di Varese a Villa Recalcati alla presenza di autorità della provincia di Varese e con l’intervento dell’attore-scrittore Fabrizio Saporiti. Gli studenti del corso di Laurea in Infermieristica premieranno gli infermieri iscritti al collegio IPASVI di Varese da 30 – 40 – 50 anni. La serata si concluderà con il messaggio di saluto della giornalista americana Suzanne Gordon agli infermieri italiani.
Per l’ evento è stato richiesto patrocinio a:
Provincia di Varese
Comune di Varese
Università degli Studi dell’Insubria
ASL della Provincia di Varese
A.O. di Circolo e Fondazione Macchi di Varese
A.O. di Circolo di Busto Arsizio
A.O. S. Antonio Abate di Gallarate
Per la giornata di domenica 16 maggio il Collegio di Varese è intenzionato a partecipare all’iniziativa della Federazione che, per l’emissione del francobollo a noi dedicato in concomitanza con le celebrazioni della Giornata internazionale dell’infermiere ripropone la partecipazione alla tradizionale maratona organizzata a Roma dalla Komen Italia Onlus (Race for the Cure ). L’iniziativa è volta anche sostenere la raccolta di fondi destinati alla prevenzione e alla lotta contro i tumori al seno ( iniziativa che nel 2009 ha visto oltre 43mila partecipanti) invita gli infermieri ad incontrarsi. Sul sito della federazione e su quello del collegio troverete le informazioni generali. Da settimana prossima raccoglieremo le adesioni per organizzare un pullman con partenza sabato 15 e rientro domenica 16, le spese di viaggio saranno a carico del collegio e della federazione mentre vitto, alloggio e quota di iscrizione di 10 euro a carico dei partecipanti, il collegio cercherà hotel a costo ragionevole da proporre.
Proseguiremo anche nel 2010 con obiettivo di risolvere la situazione delle morosità di tutti gli iscritti con due annualità arretrate, con lo stesso sistema adottato nel 2009.
All’inizio dell’anno sono stati sostituiti hardware e software del collegio perché ormai obsoleti e non sicuri per lo svolgimento del lavoro amministrativo.
L’impegno del Coordinamento dei Collegi della Lombardia si rinnova aprendo diversi gruppi di lavoro con lo scopo di porre un unico fronte nella relazione con la regione Lombardia e con la Federazione Nazionale, con enti ed istituzioni come le Università a favore della professione e dei professionisti. I gruppi di lavoro, due dei quali vedono partecipi anche infermieri di Varese, sono:
Gruppo di lavoro LIBERA PROFESSIONE. Obiettivi:
1.analisi e superamento della situazione in essere,
2.attività in equipe multidisciplinare e domiciliare,
3.superamento dei vicoli di incompatibilità per i dipendenti pubblici di esercizio della libera, professione, anche alla luce delle recenti fonti normative (legge 69).
Gruppo di lavoro INFERMIERI STARNIERI. Obiettivi:
1.uniformare le metodiche d’esame dei Collegi
2.adozione di un testo unico di studio
3.creazione di una banca dati regionale
Gruppo di lavoro ASA OSS. Obiettivi:
1.vigilare sulla formazione
2.creare albo regionale dei docenti e dei Presidenti per gli esami
3.verificare il numero degli OSS formati e la loro occupazione
Gruppo di lavoro FORMAZIONE. Obiettivi:
1.requisiti minimi organizzativi, vedi protocollo vigente intesa Regione/ Università,
2.individuazione Linee Guida in attuazione pdl 380,
3.attuazione circolare 2004 ( coordinatori CdL, inquadramento secondo L.251),
4.valorizzazione risorse formative per i CdL ( coordinatori e tutor), rinnovo protocollo d’intesa Regione / Università
Gruppo di lavoro SALUTE MENTALE
Che opera già da anni proponendo corsi e lavori.
Il collegio è impegnato anche in una commissione nazionale della Federazione, sullo sviluppo delle competenze infermieristiche, con l’obiettivo di stabilire degli standard professionali.

Il presidente
Aurelio Filippini

Disponibile il nuovo numero di
ottobre – dicembre 2022

Consulta i corsi.

Formazione a distanza con crediti ECM.